Che fine hai fatto?

Son qui…

sono sempre stata qui, terribilmente presa da mille cose e pensieri, da situazioni da risolvere. Non mi fermo mai, dormo pochissimo, il tempo per scrivere è veramente poco. E poi accadono fatti che si collegano con il passato e si amplificano nel presente, si proiettano nel futuro. Non si può far finta di niente, bisogna starci dietro, risolverli.

E’ stato un anno veramente pesante… pieno di seri imprevisti, è il terzo consecutivo in cui la mia famiglia mi chiede così tante energie da arrivare a fine giornata senza forze. Però rispetto agli altri periodi veramente difficili, in cui tendevo ad un certo punti a lasciarmi sopraffare, mi accorgo che sto vincendo, non mollo, sono in prima linea, non delego più, mi assumo le mie responsabilità e le cose cambiano.

Inutile parlare di DSA e di DIS se prima non si costruisce un terreno ospitale.

Per questo motivo, in questi ultimi mesi, mio marito ed io ci siamo interrogati riguardo a cosa la gente ha veramente bisogno, in particolare le famiglie con bambini, e non ne abbiamo solo parlato tra noi, abbiamo cominciato a fare, creare per un futuro migliore.

Sono dentro a diversi progetti sul vivere insieme, sul condividere le esperienze, a volte navigo affianco a quelli di mio marito sulla dignità umana, sul lavoro di squadra, ma anche se sono affianco mi sento lo stesso coinvolta, visto che lui non stacca mai, proprio mai la testa, e tutto gira per casa. Ve li racconterò ma ora la precedenza la devo dare a MUOVERSI 2013

Da agosto scorso non ho mai smesso di pensare a Muoversi… è ora di pubblicare le attività 2013 e ancora non ho avuto modo di modificare il sito 2012 e mostrare, raccontare quante cose meravigliose abbiamo fatto lo scorso anno (adulti e bambini) nel campus estivo. Mi riprometto di aggiornare questa settimana entrambi i siti. Ci sono tante, tante novità.

A prestissimo

Francesca

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *